Principato di Monaco. Energia pulita e motori sostenibili anche per la nautica

Principato di Monaco. Energia pulita e motori sostenibili anche per la nautica

LA CORSA DELLE IMBARCAZIONI A ENERGIA SOLARE

Si è appena conclusa l’edizione di quest’anno della Monaco Solar and Energy Challenge, regata dedicata alle imbarcazioni ecosostenibili, alimentate a energia solare. La bellezza di queste piccole barche che sfrecciano nelle acque davanti al porto di Monte-Carlo coperte di pannelli solari è stupefacente quasi quanto la loro creazione.

LA ROTTA PER LA SOSTENIBILITÀ

I processi elettrochimici che trasformano la luce del sole in energia motrice sono complessi, ma i giovani ingegneri provenienti da otto università sparse per il mondo ce l’hanno fatta, e insieme ai loro team hanno dato vita a barche che utilizzano idrogeno, aria compressa, batterie acide al piombo e batterie agli ioni di litio, diventando l’apripista per le imbarcazioni che potranno rivoluzionare il turismo, il commercio, i trasporti via mare diventando più sicuri, meno costosi e meno inquinanti.

LITIO

Le batterie agli ioni di litio – insieme allo scheletro in fibra di carbonio – sembrano essere la tecnologia di punta di queste imbarcazioni, che rimarrà in auge almeno fino al 2030. Questa l’affermazione di Stefano Besseghini, presidente di ARERA (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente), durante la conferenza tecnica di sabato 6 luglio.

LA SFIDA SUI TRASPORTI MARITTIMI

solar4

Ma sarà davvero possibile arrivare a un trasporto marittimo completamente ecosostenibile? Secondo il Politecnico di Milano, il punto focale della questione è il cambiamento climatico. L’Europa può guidare la strada verso la neutralità climatica investendo su soluzioni tecnologiche realistiche in aree chiave come la politica industriale, la finanza e la ricerca, assicurando anche una veloce e corretta transizione.

Le rotte via terra costituiscono il 75% dei trasporti e attualmente l’utilizzo di petrolio sia per l’aviazione sia per la navigazione è pari al 94%. Sulle linee ferroviarie, l’elettricità copre il 42% del fabbisogno energetico. Nel 2050 l’emissione di carbonio potrebbe aumentare del 50% rispetto al momento attuale.

LE VIE PER LA DECARBONIZZAZIONE

Le operazioni di decarbonizzazione devono passare attraverso l’utilizzo di velocità meno elevate, l’interfaccia nave/porto e l’ottimizzazione dei piani di viaggio e della gestione della flotta. Per arrivare a questo si dovranno utilizzare materiali più leggeri con una linea più snella che procuri meno frizioni, più efficienza dei macchinari, una diminuzione dello spreco di calore e, soprattutto, una maggiore assistenza del vento.

Le tecnologie da utilizzare per questo processo sono

  • batterie elettriche e celle a combustibile ricaricabile per viaggi sui fiumi e piccole tratte costiere
  • idrogeno liquido rinnovabile e ammoniaca per le distanze medio-lunghe
  • carburanti sintetici e biocarburanti altamente sostenibili


EFC19 - European Fuel Cell - Naples December 9-11, 2019
close
X