Idrogeno verde: la Commissione UE firma un accordo anche con l’Egitto

Idrogeno verde: la Commissione UE firma un accordo anche con l’Egitto

Dopo Kazakistan e Namibia, è la volta dell’Egitto di diventare un partner dell’Unione Europea nello sviluppo di una futura value chain globale dell’idrogeno verde.

Sempre nell’ambito della conferenza COP27, in corso proprio nella terra dei faraoni, lo scorso 8 novembre, infatti, la Presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen e il Presidente della Repubblica Araba d’Egitto Abdel-Fattah El-Sisi hanno firmato un Memorandum of Understanding che, nelle intenzioni dei due partner, costituirà un elemento fondante nella costituzione di una EU-Mediterranean Renewable Hydrogen Partnership.

Secondo von der Leyen ed El-Sisi, l’idrogeno rinnovabile svolgerà un ruolo chiave nella riduzione delle emissioni e per questo Egitto ed UE si impegneranno a produrre, utilizzare e commerciare in modo trasparente H2 green.

In particolare, i due partner intendono attuare – si apprende dalla dichiarazione congiunta diffusa a valle della firma del Memorandum – misure finalizzate ad accelerare l’installazione della nuova capacità di energia rinnovabile necessaria alla produzione di H2 e supportare la promozione di investimenti nella produzione, stoccaggio, distribuzione e trasporto di idrogeno rinnovabile e derivati.

La cooperazione verrà intensificata anche in materia di policy e definizione di regole di mercato abilitanti per lo sviluppo di una ‘hydrogen economy’ internazionale.

Per raggiungere tutti gli obbiettivi definiti nell’accordo, Egitto e Commissione Europea intendono facilitare la collaborazione di rappresentanti dei settori industriali coinvolti, degli enti di regolazione, delle istituzioni finanziarie e dei centri di ricerca, al fine di velocizzare lo sviluppo dei progetti e quindi la diffusione dell’idrogeno rinnovabile.



European Fuel Cell 2023 is coming Capri, 13-15 settembre
close