Hepic, il battello a idrogeno per il trasporto passeggeri

Hepic, il battello a idrogeno per il trasporto passeggeri

Lanciato al Salone di Venezia, è la prima imbarcazione di questo tipo in Laguna. Investimento privato di circa 1,5 milioni.

Il Salone nautico di Venezia ha confermato che è in atto la rivoluzione “green” per il trasporto passeggeri a Venezia. A segnare una tappa fondamentale in questa direzione è “Hepic”: la prima imbarcazione a idrogeno nella Laguna. Il battello è stato realizzato in 24 mesi tramite un investimento privato iniziale di Alilaguna e Cantieri Vizianello di circa 1,5 milioni di euro, cofinanziato al 55%  ai sensi di un accordo di programma tra la Regione Veneto e il ministero per l’Ambiente e la Tutela del territorio e del mare.

L’imbarcazione, lunga 16 metri e larga 3,2 metri può ospitare 24 passeggeri, è la soluzione più delicata  e sicura per la navigazione. Diversi i vantaggi: emissioni zero, grazie all’assenza di un motore endotermica e nessun inquinamento acustico. Hepic non può ancora circolare per la Laguna “perché – ha sottolineato il presidente di Alilaguna, Fabio Sacco – è una novità in ambito marittimo e sussiste un gap normativo per le imbarcazioni alimentate a Fuel Cell che trasportano idrogeno a bordo a livello nazionale”.

La normativa vigente è regolata dalla Capitaneria di Porto che impone la presenza a bordo dell’imbarcazione di un motore endotermico. “Per questo motivo sono in corso le sperimentazioni necessarie per ottenere l’approvazione alla navigazione da parte del Rina (Registro italiano  navale). Speriamo di ottenerle presto per dare una accelerata sul fronte della navigazione ecosostenibile”, conclude Sacco.