Fondi complementari PNRR bus ecologici e ferrovie regionali

Fondi complementari PNRR bus ecologici e ferrovie regionali

Fondi complementari PNRR bus ecologici e ferrovie regionali

La Conferenza Unificata e la Conferenza Stato-Regioni hanno approvato in data odierna gli schemi di Decreto MIMS con i quali vengono ripartiti 600 milioni di euro alle Regioni e alle Province Autonome per l’acquisto di nuovi autobus ecologici per il TPL e 260 milioni per potenziare e rinnovare le ferrovie gestite dalle Regioni. I provvedimenti danno il via all’attuazione del Fondo complementare del PNRR, che ammonta complessivamente a 30 miliardi (di cui 9,7 miliardi di competenza del MIMS).

La Conferenza Unificata ha espresso intesa sullo schema di Decreto che stanzia 600 milioni di euro da spendere negli anni dal 2022 al 2026 per l’acquisto di autobus a basso impatto ambientale adibiti al trasporto pubblico extraurbano e suburbano, con alimentazione a metano, elettrica o a idrogeno, e per le relative infrastrutture di alimentazione. È possibile destinare fino al 15% delle risorse per interventi di riconversione a gas naturale dei mezzi a gasolio euro 4 e euro 5. Il 50% dei fondi è destinato alle Regioni del Sud.

La Regione con la quota maggiore di assegnazione di risorse è la Campania con oltre 64 milioni di euro, seguono la Lombardia con circa 61 milioni, la Sicilia con 56,5 milioni, la Puglia con 47,4 milioni, il Lazio con 47 milioni. Gli autobus da acquistare con le risorse del Fondo complementare, oltre ad essere ecologici, dovranno disporre delle attrezzature idonee per l’accesso e il trasporto delle persone a mobilità ridotta, del sistema ‘conta-passeggeri’ attivo indipendentemente dalla rilevazione con validazione elettronica dei biglietti, dei dispositivi per la localizzazione, di videosorveglianza e dispositivi di protezione del conducente. Sono ammessi al finanziamento anche gli acquisti di altre attrezzature, tra cui quelle per il trasporto delle biciclette, fin al massimo del 5% del costo complessivo del veicolo.

Sullo schema di decreto, la Conferenza delle Regioni ha altresì espresso nella seduta intesa con le seguenti richieste non condizionanti, relative ai termini previsti all’art. 3 del decreto, il cui mancato rispetto comporta la decadenza dal finanziamento:

al comma 6, posticipare il termine previsto per la sottoscrizione dei contratti relativi alle infrastrutture di supporto dal 30 settembre 2022 al 31 dicembre 2023, tenuto conto delle tempistiche necessarie alla realizzazione di una adeguata rete di alimentazione (metano, elettrica o ad idrogeno);
al comma 7, posticipare il termine previsto per la realizzazione del 50% del programma di forniture, dal 31 dicembre 2024 al 31 dicembre 2025, tenuto conto delle possibili difficoltà della filiera produttiva nel rispondere in modo compatibile a tali tempistiche.
In subordine, si chiede di non far discendere dal mancato rispetto di tali termini la decadenza automatica dal contributo, ma prevedere una possibilità di proroga dello stesso termine per ragioni motivate.
La Conferenza Stato-Regioni ha invece dato il via libera allo schema di decreto che finanzia con 260 milioni di euro le ferrovie gestite dalle Regioni, di cui l’80% destinati al Sud. Le risorse, che rientrano nel Fondo del MIMS per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese, possono essere utilizzate per il potenziamento, l’ammodernamento e il miglioramento della sicurezza delle ferrovie regionali, che svolgono un ruolo essenziale nei brevi collegamenti di cui usufruiscono, in particolare, pendolari e studenti.

Link: Comunicato stampa MIMSIntesa Conferenza delle Regioni – Testo degli schemi di Decreto non ancora disponibile

 

Fonte: Ufficio comunicazione H2it



EFC21 - European Fuel Cell - Naples December 2021
close