100 italian and mobility stories

100 italian and mobility stories

100 italian and mobility stories

L’ingresso nel paniere Istat ad inizio 2020 dell’auto elettrica e dei monopattini elettrici sancisce la presenza di queste tecnologie nella vita di tutti i giorni. Negli ultimi anni gli italiani hanno visto progressivamente crescere il numero delle colonnine di ricarica, delle automobili ibride ed elettriche circolanti, ma soprattutto di e-bike e monopattini elettrici che ormai fanno parte del nostro paesaggio urbano.

Per accompagnare questo fenomeno in crescita, da tre anni Fondazione Symbola e Enel, e da quest’anno in collaborazione con FCA scesa con forza in campo con un piano industriale per l’elettrificazione, realizzano un rapporto sull’e-mobility italiana raccontando cento storie di imprese, università, centri di ricerca e associazioni che, nel proprio segmento della catena del valore, stanno contribuendo allo sviluppo di questa tecnologia: dal design alla produzione di veicoli, dalla componentistica alle batterie fino alle infrastrutture di ricarica.

Un settore che, nonostante le incertezze della delicata fase economica, vede proprio in queste settimane confermati gli investimenti nel comparto automobilistico elettrico da parte delle case produttrici, dell’Europa attraverso Next Generation EU e il Green Deal – che saranno gli assi principali della ripartenza – e di governi nazionali a partire da Germania e Francia. La prima, leader europeo nella produzione automobilistica, proprio in risposta alla crisi ha scelto di incentivare la mobilità a zero emissioni attraverso l’obbligo per le stazioni di servizio di installare sistemi per consentire la ricarica ai veicoli elettrici.

Politiche i cui effetti si riverberano anche sulla filiera italiana, fortemente integrata con quella tedesca. Analogamente, il governo francese ha scelto di investire 8 miliardi di euro nel settore automobilistico con l’obiettivo di quadruplicare, nei prossimi quattro anni, la produzione di veicoli elettrici. Ma anche Spagna e Italia hanno rafforzato gli incentivi per i veicoli elettrici. Segnali che danno continuità ad un percorso avviato negli ultimi anni, che ha visto nel 2019 l’industria e i governi europei stanziare ben 60 miliardi di euro per la produzione di veicoli elettrici, 19 volte di più rispetto all’anno precedente, contendendo la leadership globale alla Cina.

Provvedimenti che permetteranno, anche grazie all’abbattimento dei prezzi delle batterie (dai 150 $/kWh del 2020 ai 61 $/kWh al 2030 legato al duplice effetto: crescita del mercato e miglioramento delle tecnologie) di avere già nel 2022 in Europa, Australia e Stati Uniti la parità di prezzo tra auto elettriche e auto a benzina per il segmento “large” e quindi dare un ulteriore slancio al mercato. Ciò consentirà alla mobilità elettrica, alimentata da fonti rinnovabili, di dare un grande contributo ad attenuare la morsa dell’inquinamento nelle aree urbane e il raggiungimento dell’obiettivo europeo di azzerare le emissioni nette di CO2 al 2050.

Secondo Bloomberg New Energy Finance (BNEF), a giugno 2020 nel mondo ci sono più di 7 milioni di veicoli elettrici per passeggeri o merci (erano 1,5 nel 2016), di cui più di 3 milioni in Cina, e quasi 2 milioni in Europa dove svetta il primato della Norvegia (320.000 auto elettriche in circolazione a fronte di soli 5 milioni di abitanti). In Europa, nei primi tre mesi dell’anno, mentre le immatricolazioni totali di autoveicoli hanno registrato un forte calo, le auto elettriche ed ibride non hanno subito la contrazione del mercato. Le immatricolazioni di vetture elettriche (ECV=BEV+PHEV) sono state 228.210 (+81,7% sul primo trimestre 2019) e le ibride (HEV, mild-full hybrid) 310.308 (+49%), in questa crescita tuttavia l’Italia sembra essere rimasta indietro (8.350 le vetture elettriche immatricolate contro le 52.449 della Germania, le 35.383 della Francia, le 31.918 della Gran Bretagna). In Italia, sempre nello stesso periodo, la vendita di auto ibride – quasi la metà (48%) del mercato della mobilità ad alimentazione alternativa – ha superato quella di auto a gas (40,5%), tradizionalmente con maggiore quota nel mercato nazionale.

Anche nei trasporti pubblici cresce nel nostro Paese la tendenza ad elettrificare le flotte, come aTorino, dove la società GTT nel 2020 ha annunciato un bando per l’acquisto di 100 autobus elettrici, in un’operazione da 72 milioni di euro. O anche a Genova: qui la società per il trasporto pubblico AMT punta a chiudere il 2020 con una flotta di 34 veicoli completamente elettrici.

In questo nuovo mercato l’Italia, come raccontato nel presente rapporto, può giocare un ruolo di primo piano avendo un ampio spettro di competenze e tecnologie lungo tutta la filiera: dalle case automobilistiche a chi realizza e-bike (nelle bici l’Italia nel 2019 ha confermato il primato di primo produttore ed esportatore europeo) e veicoli leggeri, passando per motorini e autobus elettrici. Nella componentistica troviamo il cuore pulsante di questa filiera, in cui le nostre aziende creano, prototipano e realizzano motori, statori, freni, elettronica e componentistica, fino a scocche e pacchi batterie con la presenza di un Battery Hub dedicato per l’assemblaggio delle batterie aTorino. Ma anche designer, chiamati in tutto il mondo a ripensare le nuove forme della mobilità elettrica. Non mancano, per arrivare alle forme più avanzate di mobilità, i servizi di sharing, le multiutility, le soluzioni per la ricarica, le relative app e la comunicazione e gli studi di associazioni a supporto della filiera. Un sistema ricchissimo di competenze quindi che in Italia si distribuiscono lungo tutto il Paese, coagulandosi in alcuni poli come quello di Torino, la Motor Valley emiliana, il distretto di Brescia e il polo dell’automotive abruzzese.

Certo nel nostro Paese ancora molto resta da fare. A partire dalla semplificazione delle procedure autorizzative che rallentano l’infrastrutturazione del territorio, che oggi conta lungo lo stivale quasi 12.000 punti di ricarica pubblici, con una densità ancora troppo bassa rispetto ad altri Paesi Europei. Ancora non sufficienti, soprattutto a garantire ai cittadini italiani, ma anche ai tanti turisti europei che hanno già scelto di acquistare veicoli elettrici e che sceglieranno di visitare il nostro Paese, di avere una infrastruttura all’altezza della sfida. Per questo è importante l’azione di tanti player nazionali, come Enel X, che a fine 2017 ha lanciato un piano nazionale per dotare il Paese di una rete sempre più capillare di ricarica, ad oggi infatti Enel X conta sul territorio circa 10.000 punti. Ma anche delle imprese della grande distribuzione organizzata (Conad, Eataly e Carrefour Italia, ecc.) che sempre più si stanno dotando di colonnine nelle aree di sosta destinate ai clienti adiacenti ai loro empori, su tutto il territorio nazionale. O dei player dell’Oil (come, ad esempio, ENI) che hanno iniziato recentemente ad affiancare alle tradizionali pompe di benzina anche colonnine di ricarica elettrica.

Le 100 storie di imprese, università, centri di ricerca e associazioni – che leggerete di seguito e che rappresentano l’eccellenza italiana della mobilità elettrica – ci dicono, insomma, che l’Italia è già in campo nella mobilità del futuro. Non solo. La filiera raccontata da Symbola ed Enel in collaborazione con FCA ci dice anche che il nostro Paese ha le energie per superare la crisi: l’urgenza del fare, dimostrata da queste realtà, dalle donne e dagli uomini che le guidano, è il migliore viatico per rimboccarsi le maniche e costruire insieme – con il contributo delle migliori energie tecnologiche, istituzionali, politiche, sociali e culturali, come afferma il Manifesto di Assisi – un’economia e una società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro, più attente alla crisi climatica, più giuste, resilienti, competitive. Un percorso, a ben vedere, intrapreso anche dall’Unione Europea che si sta costruendo nella crisi generata della pandemia da Covid-19 e che vede nella sostenibilità e nella sfida ai cambiamenti climatici la strada per far ripartire l’economia orientandola verso un nuovo futuro.

 

Scarica il PDF completo



EFC21 - European Fuel Cell - Naples December 2021
close